1^ Prv MX UISP Puglia e Basilicata - Bernalda
19/02/2012
pdmx, lun 20 febbraio 2012 - 14:17:00


1^ Prova Regionale MX UISP Puglia
1^ Prova Regionale MX UISP Basilicata
19 Febbraio 2012 - Bernalda (bassa)

Gara

Risultati

Foto



Si ricomincia!


la locandina

La stagione 2012 comincia sulla stessa pista dove si è corsa l'ultima prova del Trofeo Inverno Uisp 2011. Buona l'affluenza di piloti, precisamente 86, grazie soprattutto alla presenza dello squadrone del team Pardi che ha fatto razzia di trofei. Oltre ai piloti provenienti da Puglia e Basilicata c'erano anche diversi Calabresi. Buone le condizioni meteo, sole ad intermittenza e temperatura gradevole. La pista che la settimana precedente alla gara era tutta piena di fango, è stata fresata ma non bagnata; vista la natura del terreno e le buone condizioni climatiche è andata via via seccandosi e purtroppo la zona paddock ha subito "ondate" di polvere. La situazione in pista però era buona ed i piloti in gara la polvere non l'hanno vista. Abbiamo notato che in pochissimi saltavano (anche di poco) il panettone finale e domandando, i più, mostrandomi la rampa, mi hanno chiesto di individuare una linea pulita. Per farla breve le rampe non sono state sistemate prima della gara e solo i piloti abituati a questo genere di insidie provavano a chiudere il salto. Diversamente a quanto doveva essere, i mini65 hanno pagato (per volere dell'organizzatore) l'iscrizione come i grandi e dei transponder non c'era traccia. Il servizio cronometraggio non è stato efficiente come al solito ed abbiamo notato diversi nomi e cognomi di piloti "stroppiati" molto probabilmente per la fretta di redarre le classifiche. Se aggiungiamo anche la completa mancanza di un impianto audio che consentisse ai piloti di sapere quando entrare in pista e l'èta "Mini" della maggior parte degli sbandieratori, si capisce il malumore dei presenti. Nonostante tutto, la gara si è svolta regolarmente. Visti i tempi stretti ed il numero di piloti che lo consentiva, le classi Hobby MX1 ed Amatori MX1 hanno corso insieme ma con classifiche separate; sono state accorpate anche le classi Esperti MX2 ed MX1 e le classi Agonisti MX2 ed MX1. Non c'è stata alcuna pausa e le premiazioni sono state fatte con la luce naturale. Passiamo alla cronaca delle gare.


MINICROSS
(65)

Solo Tre i minicrossisti iscritti in questa categoria e precisamente il tarantino Giulio Guarini (in foto), Michele Gaballo e Loris Carlucci, tutti su KTM. Carlucci è caduto durante le prove e non ha preso il via in nessuna delle due manche. Questo comunque non giustifica il fatto che il suo nome non compaia nella classifica. Entrambe le manche sono andate a Giulio Guarini ma Gaballo non ha affatto sfigurato.


(85)

Sette i minipiloti che hanno gareggiato nelle due manche a loro riservate. Al primo start il più veloce di tutti è il pugliese Matteo Del Coco seguito dai piloti del team Pardi, Paolo Ricciutelli (in foto) e Vincenzo Roberti, più indietro William Felletti, Pierpaolo Derario e Matteo Tortora. Dopo poche curve Ricciutelli supera Del Coco e passa al comando.Sempre terzo Roberti seguito da Luca Movenia che ha guadagnato diverse posizioni. Prima del termine del primo giro Tortora si libera di Felletti e si porta in quinta posizione. Le posizioni non varieranno più e Ricciuttelli arriva a doppiare sino al terzo classificato.
Alla partenza della seconda manche Ricciutelli e Roberti, sono affiancati, seguono Del Coco, Tortora e Derario. Dopo poche curve in testa troviamo Ricciutelli seguito da Del Coco, Roberti, Tortora e Movenia. Al secondo giro Movenia supera Tortora, in coda Derario è davanti a Felletti e vi rimmarrà sino al termine. Dopo qualche tornata al comando è Del Coco ma vi rimane per poco poichè Ricciutelli si riprende la posizione e và a vincere.
Gara quindi a Ricciutteli autore di una bella doppietta, secondo gradino del podio per Del Coco e terzo per Roberti.


HOBBYCROSS MX2

Clicca qui per vedere le foto di questa categoriaCome al solito questa è la categoria con più piloti, a Bernalda i piloti schierati al cancelletto erano 22. Nella prima manche ottimo start per Stefano De Siena (Honda) e Leonardo D'Amicis (Yamaha) seguiti dai due piloti di Pardi, Marco Salone (in foto) e Paolo Caputo e Piri Alessandro (tutti e tre su Honda). A metà giro Salone è in testa seguito da D'Amicis, De Siena, Piri e Troccoli Mariano (purtroppo fantasma nelle classifiche). Dietro ai primi cinque troviamo Antonio Novellis (Honda) e Caputo che si stende in curva e riparte dalla penultima posizione davanti a Sileo che corre con la moto gentilmente prestatagli da Criscuoli poichè la sua si rotta durante le prove. Dopo due giri Piri deve cedere la quarta posizione a Valerio Maraglino (primo delle due tempi) seguito da Novellis. Nel giro successivo Novellis supera Maraglino e si porta in quarta posizione. Passa ancora un altro giro ed in testa c'è sempre Salone che ha già un bel vantaggio su D'Amicis, terzo Novellis che continua la sua rimonta, quarto De Siena e quinto Maraglino. Passa ancora un giro e Salone comincia i doppiaggi, Novellis raggiunge e supera D'amicis soffiandogli la seconda posizione, il rimontante Renzo Leggieri (Honda 125 è sesto). Continuano i doppiaggi e la situazione delle prime posizioni non varia tranne che per De Siena che supera Maraglino. Caputo nel frattempo ha recuperato tantissime posizioni, raggiunge anche Maraglino e gli soffia la quinta posizione. Prime posizioni invariate e la manche giunge al termine.
Parte la seconda manche, Salone parte benissimo seguito da Novellis, Caputo, D'Amicis e Carlo Marrone (Husqvarna 125). A metà giro Salone è in testa seguito da Novellis, Caputo, Maraglino V. e D'Amicis, seguono Leggieri, Francesco Laera (Yamaha) e Trisolini (Honda). Al quinto giro le posizioni di testa sono invariate, Trisolini è sesto all'inseguimento di D'Amicis. Nicolò Romanazzi si scontra in volo su un salto in discesa con un altro pilota (crediamo sia Novellis). Romanazzi cade proprio davanti a Caputo che non riesce ad evitarlo, lo travolge ma rimane in piedi e riesce a mantenere la seconda posizione. Trisolini sale sino alla quarta posizione alle spalle di Novellis, Leggieri è quinto. Nel giro seguente Trisolini dopo un bel duello, riesce a superare Novellis e si porta così in terza posizione. Passano altri due giri e la manche giunge al termine, sul traguardo primo Salone, poi arriva Caputo, Trisolini, Novellis e Leggieri che riesce a resistere agli attacchi di Francesco Solimando (Honda).
La gara và indubbiamente a Salone, secondo gradino del podio per il calabrese Novellis, terzo Caputo. Quarto Trisolini che precede D'Amicis in classifica.


HOBBYCROSS ed AMATORI MX1

Clicca qui per vedere le foto di questa categoria

Dieci i piloti di queste due categorie che hanno corso insieme ma con classifiche separate, divisi esattamente in metà Hobby e metà Amatori. Al primo via l'amatore Marco Negri su Yamaha (in foto) è in testa seguito dagli Hobby Giuseppe Sasso (Suzuki), Gaetano Carofiglio (Yamaha) e Nicola Pelusio (Ktm 250 2T). A metà giro Pelusio è terzo, seguito da Carofiglio e dall'Amatore Domenico Troccoli (Honda). Dopo solo qualche curva Troccoli si porta in quarta posizione seguito da dall'Amatore Cirigliano Giuseppe (Suzuki). Nel giro seguente Troccoli guadagna un'ulteriore posizione superando Pelusio e si mette all'inseguimento di Sasso, lo raggiunge lo supera e si porta così in seconda posizione. Nel frattempo Negri è sempre al comando ed ha un pò di margine di vantaggio. Bella lotta per la terza posizione tra Sasso, Pelusio e Cirigliano G. racchiusi in un fazzoletto. Poco più indietro l'amatore Rocco Narciso (Honda) che ha recuperato diverse posizioni e che raggiunge presto il gruppetto dei tre. Pelusio cade ed il compagno di squadra Carofiglio, con un gesto onorevole, si ferma per soccorrerlo. Terzo è Cirigliano G. seguito da Sasso e Narciso. Sul finire della manche Troccoli ha quasi raggiuto Negri, Cirigliano guadagna qualche metro su Sasso e Narciso che sono in piena bagarre. Narciso riesce a superare Sasso che perde energie e si fà prendere e superare anche dall'Amatore Michele Cirigliano (Honda). Mancano due giri e Troccoli ha il fiato su Negri e le prova tutte per passarlo, Narciso commette un errore e scende in penultima posizione. Sta per cominciare l'ultimo giro quando Troccoli affianca Negri sul panettone finale, i due si toccano e Troccoli ha la peggio cadendo prorio al termine del panettone finale (il contatto non è stato aereo poiché i due hanno saltato solo metà panettone). Cataldo Ciaglia (Ktm) riesce a superare Sasso e diventa il primo degli Hobby. La manche termina quindi con Negri vincitore assoluto e della Amatori, secondo e terzo posto per i fratelli Cirigliano e quarto ma primo della Hobby Ciaglia che ha preceduto Sasso e Corofiglio.
Clicca qui per vedere le foto di questa categoriaNella seconda manche Holeshot di Sasso (in foto), seguito da Carofiglio, Cirigliano G., Negri e Cirigliano M., a metà giro Giuseppe Cirigliano e Negri sono davanti a Carofiglio che scende in quarta posizione. Durante il secondo giro Carofiglio deve cedere anche agli attacchi di Narciso e successivamente di Ciaglia e Michele Cirigliano. Nel giro seguente cambio al vertice poiché sia Cirigliano che Negri superano Sasso che scende così in terza posizione assoluta ma rimane comunque il primo degli Hobbycross. Negri spinge Cirigliano ed i due guadagnano terreno rispetto al terzo. Ancora un giro e Negri si porta al comando della gara, seguito da Cirigliano G, Narciso salito in terza posizione, Sasso e Ciaglia. Le posizioni di testa non variano più e la manche giunge al termine.
Gara quindi a Marco Negri, che divide il podio con Giuseppe Cirigliano e Rocco Narciso che ha avuto la meglio rispetto a Michele Cirigliano per il miglior punteggio ottenuto nella seconda manche (i due hanno finito la gara a pari punti). Il podio della Hobby vede Giuseppe Sasso sul gradino più alto, poi Pippo Ciaglia e Ninì Carofiglio.


AMATORI MX2

Clicca qui per vedere le foto di questa categoriaUndici i piloti che si sono dati battaglia in questa categoria. I più lesti ad uscire dal cancelletto della prima manche sono i piloti di Pardi racing, Luca Di Nunzio e Daniele Salone (entrambi su Honda), seguiti da Patrizio Schiavone (Yamaha 125), Giovanni Porfido (Honda) e Giuseppe Criscuoli (Ktm 125). Dopo poche curve Nico Masciullo (Ktm 125) sale in quarta posizione davanti a Criscuoli. Nel giro seguente Criscuoli deve cedere il passo a Carlo Seccia (Suzuki 125) e si deve guardare le spalle da Lorenzo De Crescenzo (Yamaha 125). Nella tornata successiva i due di testa (Di Nunzio e Salone) sono in continua lotta ed hanno preso un pò di vantaggio su Schiavone, poco più indietro segueno Masciullo, Seccia e De Lorenzo che è riuscito a superare Criscuoli. Passano alcuni giri, Di Nunzio prende qualche metro su Salone e Seccia raggiunge Masciullo e prova a soffiargli la quarta posizione. Masciullo pressato da Seccia sbaglia e scende in settima piazza davanti a Porfido che più avanti lo passerà. Di Nunzio e Salone sono sempre vicinissimi e cominciano i doppiaggi, Seccia raggiunge Schiavone e comincia un bel duello tra i due. A due giri dal termine Seccia piazza la zampata e supera Schiavone che non si arrende e si incolla alla sua ruota posteriore. Al traguardo arrivano Di Nunzio, Salone e poi Schiavone che felicissimo per il suo risultato dopo più di un anno di assenza dalle gare mostra a tutti la sua felicità. Quarto Seccia e quinto De Crescenzo.
Al secondo start nuova partenzona per Di Nunzio, a qualche metro Salone, Masciullo, Seccia e Schiavone. A metà giro sia Schiavone che Seccia superano Masciullo e si ripropone il duello della prima manche. Al giro successivo De Crescenzo si porta in quinta posizione davanti a Masciullo. A metà gara Salone recupera i metri che lo separavano da Di Nunzio che continua a condurre, più indietro troviamo Schiavone seguito a distanza da Seccia ed ancora più indietro da De Crescenzo. Salore riesce a superare Di Nunzio e passa a condurre ma poco dopo cade e quando riesce a ripartire è nono. Nel giro seguente Seccia supera Schiavone e si porta in seconda posizione, De Crescenzo è quarto davanti a Criscuoli e Masciullo. Più avanti è sempre acceso il duello tra Seccia e Schiavone, Criscuoli raggiunge e supera De Crescenzo guadagnando la quarta posizione. Al traguardo passa indisturbato Di Nunzio, Schiavone secondo davanti a Seccia e Salone autore di un ottimo recupero. Quinto Masciullo che nel finale ha avuto la meglio sia su Criscuoli che su De Crescenzo.
Gradino più alto del podio di fine gara per Di Nunzio, secondo Schiavone e terzo Salone davanti a Seccia e De Crescenzo.



ESPERTI

(MX2 e MX1)

Clicca qui per vedere le foto di questa categoria

Al primo start il primo dei 15 piloti iscritti (9 MX2 e 5 MX1), è Riccardo Ciuffetelli (KTM MX1) seguito a ruota da Vito Pietrafesa (Honda MX1) e poco più indietro da Luciano Terlizzi (Honda MX1 2T), Donato Grieco (KTM MX2 2T) e Luigi Milizia (Honda MX2). Al termine della curvone della partenza c'è una caduta, senza conseguenze, che coinvolge Carmelo Colangelo (Honda MX2) e Rocco Possidente (Honda MX1). A metà giro Ciuffetelli è sempre in testa seguito dal compagno di team Luigi Milizia, poi Pierluigi Andriani (KTM MX2), Pietrafesa, Grieco e Terlizzi. Il duo di Pardi comincia a prendere vantaggio sul terzo Andriani sempre seguito da Pietrafesa, Grieco e Nicola Lupo (Suzuki MX1) che ha recuperato diverse posizioni. Dopo qualche giro Milizia riesce a superare Ricciutelli è si porta al comando della corsa. Grieco raggiunge e supera Pietrafesa e si mette all'inseguimento di Andriani sempre terzo; dopo poche curve lo sorpassa e si porta in terza posizione assoluta (2° della MX2). Bella lotta per la sesta posizione tra Lupo, Colangelo e Terlizzi; Colangelo commette un errore e perde diverse posizioni, Terlizzi sopravanza Lupo. Dopo qualche tornata Pietrafesa che aveva perso diversi metri da Andriani (4°) li recupera e si porta all'attaco dello stesso. Il duello tra i due dura diversi giri finché Andriani, ormai stanco, cede la quarta posizione a Pietrafesa e deve anche subire il doppiaggio di Milizia. Milizia che con sempre più vantaggio sul secondo, arriva a doppiare anche il quarto. Ricciuttelli sbaglia e scende in terza posizione e la manche giunge al termine. Quindi Milizia (MX2) primo seguito da Grieco (2° MX2), Pietrafesa (1° della MX1), Riucciutelli (2° MX1). Andriani chiude terzo della MX2 e Terlizzi è il terzo della MX1.
Clicca qui per vedere le foto di questa categoriaSeconda Manche: Ciuffetelli ripete l'holeshot della prima manche seguito ancora da Pietrafesa, Milizia, Lupo, Terlizzi ed Andriani. A metà giro Ciuffetelli conduce seguito da Milizia, Andriani, Grieco e Lupo. Dopo qualche tornata Grieco è secondo con Milizia a ruota e Lupo sopravanza Andriani guadagnando il quarto posto, sesto assoluto Terlizzi. Non passa neanche un giro che Milizia si riprende la seconda posizione e Pietrafesa sale in quinta posizione ai danni di Andriani. Nel giro seguente Andriani cede anche a Terlizzi. Milizia raggiunge Ricciutelli e comincia a pressarlo, più distante Grieco stabilmente terzo e bel duello tra Lupo e Pietrafesa per la quarta posizione assoluta e seconda della MX1. Sul finire della gara Milizia è al comando ed ha un pò di vantaggio su Ricciutelli, Grieco sempre terzo assoluto ma secondo della MX2 e Pietrafesa riesce a superare Lupo. Milizia arriva a doppiare Andriani (il terzo della MX2) che nel frattempo ha superato Terlizzi; questo la dice lunga sul livello del pilota di Pardi che almeno per la Puglia e la Basilicata sarebbe da Agonisti. La manche termina con Milizia primo assoluto e della MX2, Ricciutelli secondo assoluto ma primo della MX1, poi Grieco (2° MX2), Pietrafesa e Lupo rispettivamente 2° e 3° della MX1, Andriani (3° MX2) e Gianluca De Giorgi (Suzuki) quarto della MX1.
Gara della MX2 che và a Milizia, ottimo secondo posto per il giovane lucano Grieco che sta crescendo bene, terzo Andriani autore di una bella gara.
Seguono tre piloti a pari punti; per la discriminante della seconda manche quarto è Marco Cretì (Honda), quinto Vincenzo longo (Honda) e sesto Davide Citiso (Yamaha) che dopo la quarta piazza ottenuta nella prima manche paga la settima della seconda.
In MX1 Ciuffetelli e Pietrafesa a pari punti con vittoria che và a Ciuffetelli per il miglior risultato ottenuto nella seconda manche. Completa il podio il campano Lupo. Terlizzi e De Giorgi rispettivamente quarto e quinto.


AGONISTI
(MX2 e MX1)

Clicca qui per vedere le foto di questa categoriaUndici i piloti di queste due categorie di cui quattro MX1 ma lo spettacolo non è mancato. Al via della prima manche Ivan Di bello (KTM MX1) scatta come una freccia seguito da Mario Buongiorno (Honda MX2), Vito Marseglia (Kawasaki MX1), Antonio Sforza (Suzuki MX1) e Fabio Donnarumma (Honda MX2). Nel giro seguente Carlo Coda (KTM MX2) sulla piccola 125 è in quinta posizione davanti a Sforza e Marco Margiotta (Honda MX2). Passa ancora un altro giro con le prime tre posizioni che si sono già stabilizzate ma dopo è piena bagarre, Donnarumma è sempre quarto ma deve difendersi da Coda e Margiotta, poco più indietro seguono Sforza e Stefano Di Gennaro (Ktm MX2) in pieno recupero dopo una partenza da dimenticare. Nel giro seguente continua ed aumenta la bagarre per il quarto posto con Sforza che precede Donnarumma, Coda, Margiotta, Leo Colucci (Honda) e Di Gennaro. Due giri dopo Donnarumma è quarto seguito da Coda, Margiotta, Sforza, Di Gennaro e Colucci. Ancora un giro e Di Gennaro passa in sesta posizione davanti a Margiotta. Nel giro seguente Coda supera nuovamente Donnarumma e prende un pò di vantaggio. Non c'è più la bagarre di prima e Colucci supera Sforza portandosi all'ottavo posto assoluto. Margiotta sbaglia e finisce dietro a Fabio La Penna (Honda MX1) che nel frattempo raggiunge il suo rivale di classe Sforza. Di Gennaro raggiunge Donnarumma e comincia a pressarlo. Dopo altri due giri posizioni di testa invariate e stabili, Di Gennaro è quinto assoluto davanti a Donnarumma che non molla. Margiotta recupera ed arriva a superare Colucci soffiandogli la settima posizione assoluta che però mantiene per poco poiché arriva Lapenna che lo supera. Al traguardo Di Bello vince la manche davanti a Buongiorno (1° della MX2), a Marseglia (2° MX1), Coda, Di Gennaro e Donnarumma rispettivamente 2°, 3° e 4° della MX2. Terzo della MX1 Lapenna.

Clicca qui per vedere le foto di questa categoriaNella seconda manche Di Bello si ripete e parte nuovamente in testa seguito da Sforza, Buongiorno, Marseglia e Di Gennaro. Lapenna appena fuori dal cancelletto si tocca con Coda, ed insieme a Margiotta toccatosi con Marseglia sono il fanalino di coda. A metà del primo giro Di Bello è al comando seguito da Buongiorno, Marseglia, Di Gennaro e Sforza. Succede qualcosa tra Di Gennaro e Marseglia ed entrambi finiscono in coda al gruppo. Quindi al secondo giro terzo è Sforza seguito da Donnarumma, Margiotta e Coda. Al terzo giro Di Bello ha un pò di
margine su Buongiorno e più distaccato Sforza che è tallonato Coda che precede Margiotta e Lapenna. Nel giro seguente Coda guadagna la terza piazza e Marseglia recupera sino alla quinta posizione. Le prime posizioni rimangono invariate per altri tre giri finché Marseglia supera Margiotta e guadagna la quarta posizione assoluta (2° della MX1). Passano altri tre giri e Di Bello che era saldamente al comando, cade e perde due posizioni. Buongiorno rimane al comando per quattro giri e proprio nell'ultimo deve cedere a Di Bello che fa doppietta. Terzo Coda, poi Marseglia e Margiotta.
La MX2 và a Buongiorno che ha corso con una moto messa a disposizione da Diana Moto, secondo il campano Coda e se consideriamo che ha corso con una 125, il suo risultato ha ancor maggior valore. Terzo il brindisino Di Gennaro, quarto il Leccese Margiotta e quinto l'altro campano Donnarumma.
Di Bello vincitore assoluto di giornata e della MX1 è accompagnato sul podio da Vito Marseglia che sembra a suo agio con la moto di grossa cilindrita e dal Salentino Antonio Sforza.


Inviate il VOSTRO Commento via mail o tramite messaggio in facebook..

Testa


Classifiche di giornata

Minicross

Hobby

Amatori

Esperti

Agonisti

65

MX2

MX2

MX2

MX2

85

MX1

MX1

MX1

MX1

Testa



Foto


Qui le foto di Piero Dalena

Inviate le VOSTRE foto (possibilmente di buona qualità) via mail



Torna alle news

Testa



Torna alle news




questo oggetto è tratto da PDMX.it il Motocross in Puglia e non solo...
( http://www.pdmx.it/e107_plugins/content/content.php?content.281 )